Una giornata al centro ippico Beauty

27 Maggio 2017

“Immagino la giornata appena trascorsa come un grande vaso, colmo di parole scritte su pezzetti di carta avvolti con cura. Lo custodirò per sempre nell’armadio della mia memoria e, un giorno lontano, quando il tempo avrà sbiadito i tuoi ricordi, lo tireremo fuori e, uno ad uno, srotoleremo quei pezzetti di carta ingialliti: prendersi cura, condividere, stare insieme, tenersi per mano…”

Concetta, Daniela e Antonella, le educatrici dello spazio gioco frequentato da Ni, hanno predisposto tutto con cura e i bambini, nei giorni scorsi, sono stati in fermento per l’approssimarsi della gita al centro ippicoAlberi di pesco e ulivo, una linea ferroviaria e un torrente delimitano le scuderie, il “rettangolo” e l’angolo bar del maneggio. Il paesaggio circostante è quello tipico dell’entroterra siculo quando giugno è alle porte, quell’atmosfera sapientemente immortalata dalle pennellate di Elio Romano.

Al nostro arrivo, abbiamo fatto colazione sul prato insieme ai bimbi e alle loro famiglie: crostate, ciambelle, succhi e macedonia di frutta, che abbiamo condiviso prima della visita alle scuderie.

Torta al pistacchio senza glutine di mamma Silvia

Entusiasti i bambini, alla guida di Chiara e della dolcissima Emma, hanno imparato a prendersi cura dei cavalli, li hanno spazzolati e hanno offerto loro il fieno.

Poco dopo, il momento più atteso: il giro a cavallo attorno al rettangolo! Nino, felicissimo, non voleva più scendere e, avendo scoperto che il cavallo dimenava la coda per cacciar via le mosche, ha cominciato ad agitare le braccia per aiutarlo nell’impresa! Era così a proprio agio sul cavallo (degno figlio di suo padre e nipote di suo nonno) che in groppa mi chiedeva: “mamma, tetta!” La giornata è andata avanti tra i giochi sulla sabbia improvvisati dai bambini, liberi di scorrazzare tra le scuderie e il rettangolo, il pranzo e le attività che le educatrici hanno predisposto coinvolgendo i bimbi e le famiglie: canzoni mimate, un giro tondo e un libro pop-up. Non è chiaro chi si è divertito di più, se i bimbi o i genitori!

Non rimane che l’ultimo pezzetto di carta da avvolgere e conservare, reca la parola “gioia”, quella stampata sui volti dei nostri figli e di quel bimbo che è un pò il loro fratellino. Che la gioia non ti abbandoni mai dolce, piccolo M.

Grazie alle educatrici dello spazio gioco, allo staff del centro ippico Beauty e alle famiglie dei compagnetti di Ni per la bellissima giornata trascorsa insieme.

Buon compleanno al primo uomo della mia vita, il mio grande papà.

Carola

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *